Melograno Grosso di Faenza
Melograno Grosso di Faenza Melograno Grosso di Faenza
Melograno Grosso di Faenza Melograno Grosso di Faenza
Condividi: Stampa la pagina Melograno Grosso di Faenza Invia ad un amico Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Condividi su Google Plus
Maturazione:
ottobre - novembre
Buccia:
giallo con sfumature rosse
Dimensioni:
molto grande ( i frutti possono pesare da 800gr fino anche ai 2 kg)
Polpa:
Presenta arilli di color rosso dal sapore dolce e che lo diventono ancora di più se lasciati qualche giorno a maturare con mele.
Resistenza a malattie:
Elevatissima resistenza alle malattie e anche a parassiti, molto resistente anche all'umidità.
Conservazione:
Elevata conservabilità dei frutti, durante questo periodo gli arilli ( grani ) diventono più dolci e scuri.
Usi e benefici:
Pianta dal duplice utilizzo sia consumo fresco che per succhi. Il peso medio dei frutti è di circa 840 g, il peso medio dei grani è circa 415 g e il peso del succo è circa 325 g. Quindi la resa in grani è del 48% circa e quella in succo rispetto ai grani è del 71-72%. La resa in succo rispetto al peso complessivo del frutto è del 47% ( la resa non è altissima, però la qualità è molto, molto elevata) . Varietà utilizzata anche molto in cucina soprattutto con i piatti a base di pesce, dove riesce ad esaltare ancor più del limone, il gusto del pesce.
Note:
Antichissima varietà apprezzata in romagna per la sua rusticità e la sua elevata adattabilità. Frutto utilizzato anche in cucina dove troviamo testimonianze anche da Artusi. In passato il melograno veniva considerato come simbolo di fertilità e si ritrovano diversi scritti storici dove veniva regalato, in segno di auspicio, questa varietà col frutto gigantesco come buona fortuna. Ogni anno a Faenza ( oriolo dei fichi ) si svolge la gara della melograno più grossa, dove i coltivatori di questa antica varietà si sfidano e dove il frutto più grosso viene premiato.

Misure disponibili:

Questa varietà non è al momento disponibile.